lunedì 31 agosto 2015

Superstizione vip MARTINA STELLA

Il braccialetto di stoffa del liceo


"Non mi separo mai dal braccialetto nero di stoffa che alle superiori mi ero scambiata con la mia compagna di scuola. Lo porto sempre a tutti gli appuntamenti che mi
Aliberti Gerbotto con Martina Stella
mettono un po’ d’ansia... E
naturalmente sul set. Vivo nel terrore di perderlo, e se i costumi di scena non mi permettono d’indossarlo, allora lo nascondo in tasca, ma non lo lascio mai. Mi ricorda i tempi del liceo e soprattutto mi rammenta da dove sono partita: i primi spettacoli a teatro quand’ero solo una ragazzina quindicenne, non ancora famosa. 
Più che scaramantica direi page121image35616che tengo molto al discorso affettivo, così prima d’ogni provino chiamo sempre mia madre al telefono. Sentire vicine le persone più care mi rassicura e mi porta fortuna.
Nell’ultima tournée che ho fatto a teatro, invece, usavamo riunirci tutti dietro le quinte, in cerchio e prima d’andare in scena, urlare il classico «Merda, merda, merda». Ma più che un rito scaramantico, era forse un modo per unirci insieme anche a livello energetico. Sono però convinta, che la scaramanzia possa anche diventare una schiavitù nociva.
Conosco gente nel mio ambiente che si fissa addirittura su bar e ristoranti, e ha quelli in cui non vuole assolutamente andare perché è convinto che portino male. Io mi limito a non parlare mai dei miei progetti di lavoro finché non è tutto concluso e definito in modo certo. Forse è più un discorso psicologico che scaramantico... Penso che anche a livello energetico, dire subito una cosa che non è ancora sicura possa anche influire in senso negativo. O forse è perché non amo molto che si parli di me. Io non lo faccio, ma ho visto anche alcune donne toccarsi il seno per scaramanzia, credo però che sia più che altro una risposta un po’ femminista alla classica toccatina delle parti basse, tipica dei maschi.".


 L'intervista a Martina Stella è di Gian Maria Aliberti Gerbotto

PER LEGGERE L'INTERVISTA SU 

martedì 4 agosto 2015

FRASI SULLA FORTUNA by Dispenza Gandolfo

riceve ad ALBA e CUNEO tel. 333 2285450   gandolfodis@gmail.com

SEGNALATECI ALTRE FRASI SULLA FORTUNA,
AFORISMI SU FORTUNA O SCARAMANZIA
  ...NOI PUBBLICHEREMO LE MIGLIORI 
scaramanzievip@gmail.com 

domenica 2 agosto 2015

Superstizione e scaramanzia vip CARLO CONTI

La signora in viola del pubblico!

Conti con l'autore del blog 
"Una volta ad una puntata de L’Eredità c’era una signora seduta in prima fila tra il pubblico, vestita completamente di viola... Appena l’ho vista l’ho sbeffeggiata: «È fortunata che io non sia scaramantico, perché altri miei colleghi l’avrebbero già cacciata dagli studi». (Racconta Carlo Conti)
Peccato che solo poco dopo siano scoppiate le luci di ben due faretti, poi si sia rotto un monitor, impallati tutti i computer e successe mille altre diavolerie che mi portano a dire che quella sia stata la puntata più sofferta di tutta la stagione! Ma nonostante tutto, io non credo ancora a queste sciocchezze.
Mia madre invece n’era schiava... ricordo il giorno che me ne tornai a casa dopo aver comprato una giacchetta che aveva la fodera interna vagamente violacea: mi disse subito che m’avrebbe portato male e quando poco dopo mi feci davvero male, ebbe gioco facile a dare la colpa alla fodera incriminata.
Nel mio ambiente forse sono una mosca bianca, perché sono circondato da terribili scaramantici. Solo qualche tempo fa ero ospite del programma di un collega e amico, di cui non farò il nome... Quando mi ha passato la scaletta mi ha fatto ridere notare che ai vari punti numerati mancava il punto 17, segnato con un più fortunato 16bis... incredibile!".


PER LEGGERE L'INTERVISTA SU 
                        
                      clicca qui









L'intervista a Carlo Conti è di Gian Maria Aliberti Gerbotto

PARLANO DI NOI SU:


l'autore del blog Gian Maria Aliberti Gerbotto 
ospite nel programma UNOMATTINA (Rai 1)
per parlare delle scaramanzie dei vip


video

sabato 1 agosto 2015

LA MISS DELLA SETTIMANA

presenta
FLAVIA MONTELEONE

Flavia Monteleone nata il: 04/07/1994 a Savigliano Vivo a Cuneo ma sono spesso a Roma Diplomata al Liceo delle Scienze Umane Diplomata come attrice cinetelevisiva Professione: attrice conduttrice speaker radiofonica Parlo inglese e francese Non pratico sport Mi piace il reggaeton Il mio obiettivo è affermarmi come attrice in Italia e all'estero




PARTECIPA AL CONCORSO
INVIACI ANCHE TU UNA TUA FOTO
 ...NOI PUBBLICHEREMO LE MIGLIORI 
scaramanzievip@gmail.com

superstizione e scaramanzia vip GENE GNOCCHI

Afef e Simona Ventura: tutte a cambiarsi!
GM Aliberti Gerbotto con Gene Gnocchi

"Ai tempi de La grande notte è capitato che Afef fosse obbligata dall’intero staff ad andarsi a cambiare all’ultimo minuto perché indossava un vestito vagamente viola. Ricordo ancora un’altra volta che anche Simona Ventura, ma a Quelli che il calcio, ha subito la stessa imposizione
Il nostro ambiente è popolato di sca- ramanzie, così alla fine si finisce con l’adeguarsi al volere della maggioranza. Quando conducevo Artù, abbiamo tenuto in studio l’albero di Natale, con appese le palline con stampigliate le facce di tutti i membri dello studio, ben oltre le festività, perché s’era messa in giro la voce che portasse bene. 
Che sia vero oppure no poco m’importa: d’altronde se il Parma Calcio mi aveva rinnovato il contratto, lo devo proprio a queste strane superstizioni... Si diceva che l’anno prima, tesserarmi, avesse portato la salvezza dalla serie B.
In realtà sono piuttosto scettico, ma ho anch’io le mie immancabili scaramanzie: ad esempio prima d’andare alla partita giro sempre con la macchina dieci volte intorno alla rotonda. Poi, il giorno prima d’un debutto televisivo, lo passo tutto vestito di blu: slip, camicia, calze, scarpe, tutto rigorosamente blu. 
E ancora, sempre per pura scaramanzia, dopo aver mangiato, prima di fare il bagno aspetto almeno tre ore, il tempo di digerire. ah ah ah
Sembrerà stupido, ma sono tutte cose che m’hanno sempre portato bene.
Scherzi a parte, una decina d’anni fa un noto personaggio del mondo dello spettacolo mi ha raccontato d’essere sceso all’ultimo minuto da un aereo che sarebbe poi precipitato veramente, solo per una strana premonizione... Bene, da allora non volo senza avergli prima fatto una telefonata!". 

L'intervista è di Gian Maria Aliberti Gerbotto